Chi siamo   |   La rete   |   Associati   |   Organizzazione   |   Curriculum   |   Partner   |   Esperti   |   Albo Fornitori   |   Sedi

 
  Home Statuto Servizi Tavoli di Progettazione Progetti Pubblicazioni Seminari Stage Amministrazione Trasparente  
 
Area Download
L'area download è riservata agli associati Tecla; vi troverai lo Statuto, i documenti necessari per l'adesione e le note di Approfondimento Tecla Bruxelles.

Per accedere è necessario aver effettuato la registrazione al servizio.

username:


password:

Pubblicazione

IFEL TECLA - #CampusEurope
Ladder Project

Primo Bando Interreg Italia Croazia

Descrizione, obiettivi e asse prioritari

Il programma di cooperazione INTERREG V-A Italia – Croazia 2014 – 2020 è stato stabilito all’interno del  contesto della Cooperazione Territoriale Europea, uno degli obiettivi di Politica di Coesione.

Lo scopo prinicipale del programma è di aumentare la prosperità e il potenziale di crescita blu dell’area interessata, stimolando la creazione di partenariati trans-frontalieri capaci di raggiungere cambiamenti tangibili. Il programma intende conseguire tale traguardo tramite il supporto finanziario garantito ai progetti CTE che si riferiscono e intendono contribuire alla finalizzazione dei suoi obbiettivi specifici.

E’ aperto il primo bando, che si articola nei seguenti assi prioritari e rispettivi obiettivi specifici:

 

Asse prioritario 1: Innovazione nell’Economia Blu

  • Obiettivo specifico 1.1: Migliorare le condizioni per l’innovazione nel contesto dei settori rilevanti all’economia blu, all’interno dell’area di cooperazione


Asse prioritario 2: Sicurezza e Resilienza

  • Obiettivo specifico 2.1: Migliorare il monitoraggio del cambiamento climatico e la pianificazione di misure di adattamento che riguardino effetti specifici, all’interno dell’area di cooperazione

  • Obiettivo Specifico 2.2: Salvaguardare la sicurezza dell’area facente parte del programma da disastri naturali o causati dall’uomo

 

Asse prioritario 3: Patrimonio Ambientale e Culturale

  • Obiettivo specifico 3.1: Fare in modo che il patrimonio naturale e culturale sia incentivo per uno sviluppo territoriale sostenibile e più bilanciato

  • Obiettivo specifico 3.1: Contribuire a proteggere e ristabilire la biodiversità

  • Obiettivo specifico 3.1: Migliorare la qualità delle condizioni ambientali dell’area costiera e del mare grazie all’uso di un approccio sostenibile e tecnologie innovative

 

Asse prioritario 4: Trasporto Marittimo

  • Obiettivo specifico 4.1: Migliorare qualità, sicurezza e sostenibilità ambientale dei trasporti marini e costieri, promuovendo la multimodalità nell’area di interesse

 

Una proposta di progetto dovrà essere focalizzata su di un Asse Prioritario e uno dei suoi relativi obiettivi specifici; detto ciò le proposte potranno essere di 2 tipi:

 

 Progetti “Standard”

I Progetti “Standard” tipicamente vengono sviluppati sulla base del riconoscimento di una necessità o un problema e la sperimentazione di una possibile risoluzione. Dovrebbero essere ideati sulla base di un concetto innovativo ed originale, nonostante la capitalizzazione di progetti presentati nella programmazione precedente (IPA adriatica) è sicuramente incoraggiata.

 

Progetti “Standard+”

I Progetti “Standard+” sono operazioni derivanti da collaborazioni potenzialmente già esistenti nell’area, che, tramite la sperimentazione o l’implementazione nell’area interessata di soluzioni sviluppate in un contesto di più ampie vedute, capitalizzano i risultati di un programma CTE 2007-2013 nel quale partner Italiani e Croati hanno già collaborato insieme (IPA Adriatica, SEE e MED).

Non è possibile sottoporre la stessa proposta progettuale per entrambe le tipologie “Standard” e “Standard+”, però la stessa organizzazione può essere coinvolta sia in proposte “Standard” che “Standard+”, purchè entro le condizioni stabilite di seguito nella nota.

 

Candidati idonei e requisiti per il partenariato

Qualsiasi progetto “Standard” deve coinvolgere almeno 4 partner, di cui almeno uno Italiano e almeno uno Croato.

Qualsiasi progetto “Standard+” deve coinvolgere almeno 3 partner, di cui almeno uno Italiano e uno Croato facenti parte di un progetto finanziato in un programma di cooperazione 2007-2013 (IPA Adriatica, SEE o MED)  

 

Tutti gli enti/istituzioni interessati a prendere parte ad un progetto devono soddisfare i seguenti criteri:

  • Essere legalmente costituito secondo la normativa nazionale Italiana o Croata (la nazionalità sarà determinata sulla base dello statuto dell’organizzazione)
  • Avere sede ufficiale e operativa nelle zone incluse nell’area del programma (con l’eccezione dei Partner Assimilabili)
  • Avere personalità giuridica

 

Inoltre i partner eleggibili dovranno essere:

  1. Autorità pubbliche locali, regionali o nazionali (compresi GECT) e associazioni formate da uno o più autorità sopraccitate;
  2. Enti pubblici regolati dalla normativa nazionale, e associazioni formate dai suddetti enti, come definiti nell’articolo 2(4) del Regolamento (EU) N.o 1303/2013.
  3. Enti privati, incluse società private, aventi personalità giuridica e operative da almeno 2 anni fiscali dalla presentazione della candidatura (alcune restrizioni si applicano agli Assi Prioritari 1, 2 e 3)  
  4. Organizzazioni Internazionali agenti sotto legge nazionale Italiana o Croata, operative da almeno 2 anni fiscali dalla presentazione della candidatura.  

Limitazioni applicabili solo a progetti “Standard”:

  • Un’istituzione non può essere capofila per più di 2 proposte progettuali per ogni obiettivo specifico del Programma. Se verrano sottoposte più di 2 proposte progettuali dallo stesso capofila all’interno dello stesso obiettivo specifico, tutte le proposte saranno rifiutate a prescindere.

Limitazioni applicabili solo a progetti “Standard+”:

  • Un’istituzione non può essere capofila per più di 1 proposta progettuale “Standard+”. Se verrà sottoposta più di 1 proposta progettuale dallo stesso capofila, tutte le proposte saranno rifiutate a prescindere;

  • Per proposte progettuali con infrastrutture e lavori di costruzione su piccola scala, tutte le autorizzazioni e permessi necessari dovranno essere disponibili al momento della proposta di progetto.

 

Solo i seguenti enti con sede in Italia o Croazia potranno essere considerati come capofila ammissibili:

  • Autorità pubbliche nazionali, regionali o locali, incluse associazioni costituite da una o più autorità pubbliche;

  • Enti pubblici regolati da normativa nazionale, incluse associazioni costituite da uno o più dei  suddetti enti.

 

Budget del bando, tasso di cofinanziamento e mole dei progetti

Il Programma Italia-Croazia mette a disposizione EURO 78.200.000 del fondo FESR per questo primo bando, suddividendo i finanziamenti disponibili tra gli assi prioritari nel seguente modo:

Asse Prioritario (AP)

Progetti Standard - FESR

Progetti Standard+ - FESR

Totale fondo FESR per Asse

AP 1

11.470.000,00

4.200.000,00

15.670.000,00

AP 2

9.200.000,00

2.600.000,00

11.800.000,00

AP 3

29.700.000,00

4.200.000,00

33.900.000,00

AP 4

12.830.000,00

4.000.000,00

16.830.000,00

Totale

63.200.000,00

15.000.000,00

78.200.000,00

  

La contribuzione FESR del Programma Italia Croazia sarà limitata ad un tasso di co-finanziamento pari all’85% dei costi eleggibili per tutti i partner. Il restante 15% dovrà essere garantito da risorse di co-finanziamento nazionali.

Contribuzioni in natura, in generi o di staff non sono ammissibili all’interno del Programma, perciò il loro uso come risorsa di cofinanziamento è vietato.

La dimensione finanziaria delle proposte progettuali dovrà essere compresa entro 500.000,00 € e 3.000.000,00 €   per la categoria "Standard", mentre tra 500.000,00 € e 1.000.000,00 € per la categoria "Standard+".

La contribuzione FESR richiesta da ogni singolo partner del progetto non dovrà essere minore di 50.000,00 €.

 

Scadenze, selezione e durata dei progetti

Il primo bando sarà aperto:

  • Per progetti “Standard+” dal 27 marzo 2017 fino al 10 maggio 2017 alle ore 17:00, per una durata complessiva di 45 giorni

  • Per progetti “Standard” dal 21 aprile 2017 fino al 19 giugno 2017 alle ore 17:00, per una durata complessiva di 60 giorni

La messa in opera dei progetti non dovrà superare i 18 mesi per progetti “Standard+” e i 30 mesi per quelli “Standard”.  

 

Maggiori Informazioni:

Nota di approfondimento del Bando

Nota di approfondimento del Programma

  

« indietro

TG WEB
"EUROPPORTUNITA"

Tecla Video
Notizie dall'E.. »

Banca dati progetti europei

Tecla News

Tecla News

Tecla News

Scadenzario Bandi Comunitari

Lettera d'allerta

Documenti associativi

Bandi News

In breve dall'Europa

Eventi

Attuare con successo la strategia Europa 2020


High Quality Italy | Alta qualità certificata e garantita